Hai già investito nel Metaverso?

“Metaverso, Nft e criptovalute” sono probabilmente tre parole con cui avremmo a che fare nei prossimi anni e che cambieranno il nostro futuro tecnologico e non solo.

Da quando Mark Zuckerberg ha dichiarato che il nome della sua azienda Facebook (non l’app) sarebbe cambiato in Meta, è esploso il boom del Metaverso.

Ma, mentre per alcuni queste tecnologie possono rappresentare opportunità di investimento, per altri sono motivo di paura o di indifferenza, perchè non comprese.

Per questo, se è la prima volta che senti la parola Metaverso, ti consiglio di lasciar perdere qualsiasi articolo che tratta l’argomento.

Meglio sedersi sul divano e guardare un film.

Ancora meglio se è uno di questa lista, che può aiutarti a visualizzare ciò di cui parliamo:

“Tron” di Steven Spielberg – 1982;
“Matrix” con Keanu Reeves – 1999;
“Minority report” con Tom Cruise – 2002;
“Avatar” di James Cameron – 2009;
“Il mondo dei replicanti” con Bruce Willis – 2009;
“Ready Player One” di Steven Spielberg – 2018;
… ed anche un cartone animato della Disney: “Ralph spacca Internet“ – 2019.

Se invece navighi sul web da un po’ di tempo, saprai che il Metaverso è un’evoluzione di internet.

Uno spazio virtuale, dove gli utenti interagiscono tra loro e con l’ambiente in tempo reale e dove vengono venduti spazi, servizi e prodotti che possono essere acquistati con monete create ad hoc.

Per farti un esempio, la cosa più vicina che mi viene in mente è un progetto lanciato nel 2003 dalla società statunitense Linden Lab, chiamato “Second life”:

In molti pensavano che avrebbe rivoluzionato il web, al punto che aziende come IBM, Disney e Sony spesero milioni di dollari per essere presenti con i loro negozi virtuali.

All’interno di questo ecosistema tutte le transazioni erano regolate – anzi sono regolate, perché il progetto è tuttora attivo – da una moneta di riferimento: “il Linden dollar”.

Per semplicità pensa al progetto in questo modo.

Entri in uno spazio virtuale con il tuo alter ego (avatar) e, come in una seconda vita, hai bisogno di comprare una casa, terreni, vestiti.

Puoi viaggiare, fare riunioni di lavoro e di conseguenza utilizzare un mezzo di pagamento per regolare gli acquisiti e le vendite, come nella vita reale.

In pratica accedi a questi universi digitali tramite delle piattaforme, per poi interagire attraverso un visore, dei guanti e altri dispositivi tecnologici indossabili.

In questo modo è possibile portare il proprio corpo e condividere delle esperienze con altre persone anche molto lontane da te.

Strano, eh?

Ricapitoliamo.

Il Metaverso è un mondo parallelo, dove la tecnologia basata su Blockchain, criptovalute e Nft consentono una fusione con il mondo reale.

I giganti della tecnologia sono attenti a questo fenomeno, per cui vale comunque la pena dare un’occhiata a quello che stanno facendo.

Come ti dicevo Facebook ci sta credendo, e non poco.
Solo in Europa ha assunto 10.000 dipendenti dedicati.

Microsoft sta comprando la società di videogiochi Activision Blizzard (proprietaria di giochi come Warcraft, Diablo, Overwatch, Call of Duty e Candy Crush) per 68,7 miliardi di dollari, con l’obiettivo di rafforzarsi nel mercato dei videogiochi, perchè questi avranno un ruolo di primo piano nello sviluppo del Metaverso.


Altra società attiva è nVidia che nel 2021 ha sviluppato Omniverse, la piattaforma per la simulazione 3D (nella top 100 delle migliori invenzioni del 2021). Omniverse non è dedicata solo al mondo dei giochi, ma è pensata per aiutare le persone a fare ordinazioni e prenotazioni di vario tipo, in luoghi reali come aeroporti e ristoranti.

Quindi, la realtà (non virtuale) è questa:

diverse aziende si stanno muovendo per consolidare la loro presenza nel Metaverso con giochi, grafiche 3D, criptovalute, intelligenza artificiale e dispositivi mobili.

Ma, se da una parte abbiamo capito che il Metaverso è uno spazio digitale “infinito” dove gli utenti possono fare le stesse esperienze della vita reale e oltre, dall’altra si stanno formando diversi Metaversi, organizzati da aziende che dettano cosa fare, come farlo e come pagarlo, all’interno di uno spazio digitale.

Una di queste è Roblox, il Metaverso più popolato, con 100 milioni di utenti attivi al mese.

Roblox è un videogioco con il quale si possono creare i propri mondi virtuali e dove ognuno può creare il proprio gioco.
Roblox è gratuito, ma per personalizzare il proprio avatar (in questo caso il personaggio con il quale si gioca) – con un’arma o un vestito – il giocatore deve utilizzare una moneta virtuale;
un “gettone” che ha valore all’interno del gioco (si chiama token) e che si acquista – però – con il denaro vero.

La società Roblox è stata quotata in Borsa a marzo 2020, con un prezzo per azione di 45 dollari. In preda all’euforia, il secondo giorno l’azione valeva 75$, mentre oggi è quotata circa 48$.

Pensa che la Ralph Lauren, Vans e Nike hanno preso tanto sul serio questa piattaforma, da creare un proprio spazio all’interno.

Nike ha creato Nikeland, mondo virtuale in cui l’azienda fa provare agli utenti prototipi di scarpe, prima di avviarne la produzione nel mondo reale.

Un altro nome famoso nel mondo del Metaverso è Decentraland, dove puoi acquistare terreni virtuali, la cui proprietà viene certificata attraverso la tecnologia della Blockchain.

Proprio su Decentraland, Gucci e Adidas hanno tenuto una sfilata di moda e la casa d’aste Sotheby’s ha esposto la sua galleria di Londra.

Ma questo Metaverso è diventato famoso per aver replicato un meccanismo tipico del mondo reale: la speculazione immobiliare.

Infatti, si parla già di bolla immobiliare virtuale, perché ogni giorno vengono investiti migliaia di euro per comprare un pezzo di terra digitale.

In questo universo, i possessori di MANA (la criptovaluta di riferimento per fare acquisti) possono comprare e vendere terreni virtuali sui quali costruire edifici, negozi, oggetti e vedere così aumentare il valore del proprio terreno.

E poi c’è Fortnite.

Il famoso video gioco di Epic Games (350 milioni di utenti) utilizza il suo ecosistema, non solo per fare divertire i ragazzi con le battaglie “reali”, ma anche per fare concerti virtuali, proiezioni cinematografiche ed eventi come quello di Balenciaga  – chiamato Afterworld: The age of Tomorrow” – utilizzato per presentare la collezione autunnale.

Ok, diciamoci la verità:
per i non giovanissimi tutto questo può essere difficile da comprendere o, semplicemente, risultare inutile, superfluo.

Numeri alla mano – però – sta diventando un mercato che promette un’enorme espansione e, per certi versi, una rivoluzione che forse non si può arrestare.

Il Metaverso fa parte di quei trend – come le auto elettriche – che non hanno ancora pervaso la nostra quotidianità, ma non per questo non hanno futuro.

A questo punto, se vuoi investire nel futuro o, per rimanere in tema, se vuoi “andare oltre” (“meta” in greco significa andare oltre), devi sapere che si possono acquistare:

  • AZIONI di società che stanno costruendo il Metaverso o, comunque, che offrono servizi a questo;
  • CRIPTOVALUTE e NFT che sono necessari per far girare l’economia digitale legate al modo del gaming;
  • ETF legati al Metaverso come il Group Global Metaverse  (isin IE000KDY10O3) di HANetf e quello di Société Generale (isin XS2425316713)
  • FONDI e ETF legati alle criptovalute
  • CERTIFICATI come questo DE000VX7K4B3

 

Ma non è sufficiente comprare un po’ di questo e un po’ di quello, nella speranza di azzeccare la scelta.

E’ un mercato ancora poco trasparente, per cui da valutare con attenzione, perché il rischio è quello di rimanere a mani vuote.

Le varie criptovalute legate al Metaverso hanno oscillazioni da paura.

E’ facile vedere rialzi e ribassi nell’ordine del 30/40% in un giorno e le truffe sono dietro l’angolo.

Come questa:
https://www.fanpage.it/innovazione/tecnologia/furto-darte-nel-metaverso-un-gallerista-perde-2-milioni-in-nft/

Ecco perché è bene ricordare l’unica regola che ti salva in questi casi.

Diversifica all’interno di una pianificazione finanziaria.

Questo deve essere il tuo mantra per ogni scelta.

Al tuo piano finanziario!

M.Isetta

condividi

Condividi su facebook
Condividi su telegram